Chiudi x
...
 

Raccolta Differenziata

Ai sensi del dell'art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti"
Il simbolo del cassonetto barrato riportato sull’apparecchiatura o sulla sua confezione indica che il prodotto alla fine della propria vita utile deve essere raccolto separatamente dagli altri rifiuti.


L’utente domestico, in caso di acquisto di un nuovo apparecchio elettrico o elettronico, potrà consegnare al rivenditore la vecchia apparecchiatura di tipo equivalente, in rapporto di uno ad uno.
The Outsourcing Company ritirerà gratuitamente presso la sua sede, in Via Stradivari 6, Milano (previo appuntamento telefonico), e si occuperà del successivo avvio al riciclaggio, al trattamento e allo smaltimento ambientalmente compatibile.

Le aziende dovranno gestire autonomamente le apparecchiature giunte a fine vita come rifiuti speciali.
La raccolta differenziata delle apparecchiature a fine vita è organizzata e gestita dal produttore. L’utente che vorrà disfarsi dell’apparecchiatura dovrà quindi contattare il produttore e seguire il sistema che questo ha adottato per consentire la raccolta separata dell'apparecchiatura giunta a fine vita.

L’adeguata raccolta differenziata contribuisce ad evitare possibili effetti negativi sull’ambiente e sulla salute e favorisce il reimpiego e/o riciclo dei materiali di cui è composta l’apparecchiatura.

L'abbandono e lo smaltimento abusivo del prodotto da parte dell'utente comportano l'applicazione delle sanzioni amministrative di cui al D. Lgs. n. 152/2006 (artt. 255 e 256).

L'utente ha la possibilità di conferire gratuitamente i propri rifiuti RAEE presso uno dei Centri di Raccolta Comunali presenti nel proprio territorio; è possibile ricercare il Centro di Raccolta più vicino tramite il portale web del Centro di Coordinamento Raee.

Torna sopra

Eco contributo RAEE

Il Decreto legislativo 151/2005 stabilisce che ogni produttore di apparecchiature elettriche ed elettroniche deve organizzare e finanziare la raccolta "separata" e la gestione RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) immesse sul mercato.
A fronte di questi nuovi obblighi imposti il decreto prevede uno strumento finanziario, definito appunto "contributo RAEE", per consentire ai produttori di sostenere i costi relativi alla gestione dei RAEE.
Il "contributo RAEE", detto anche "eco-contributo RAEE", consiste in una voce di costo aggiuntiva applicata dal Produttore ai prodotti oggetto della normativa immessi sul mercato. Il "contributo RAEE" è funzionale esclusivamente alla copertura dei costi di gestione dei RAEE e non rappresenta fonte di profitto per i Produttori, per i Sistemi Collettivi, né per il punto vendita. Il d.lgs 151/2005 lascia la possibilità al produttore di scegliere se incorporare il costo di gestione dei rifiuti nel prezzo finale di vendita, oppure di renderlo visibile al consumatore finale.

Torna sopra